Partiamo dalla nascita:
i primi mesi di vita sono fondamentali e incidono in tutto il processo evolutivo. La mamma deve ascoltare il bimbo ed essere lì nel momento del bisogno, ma gradualmente deve favorire un sano distacco dando una progressiva autonomia al figlio, senza opprimere ma con una presenza costante di amore.
L’adolescenza è la fase più delicata: i bisogni di autonomia sono forti nel ragazzo e questo porta a qualche turbolenza in famiglia. Cosa fare? Come fare per far rispettare le regole? Ma bisogna farlo?
Semplice:
i ragazzi non hanno alcun bisogno di genitori permissivisti, che lasciano fare tutto e di più, motivandolo con la fiducia da dare al figlio. Non hanno nemmeno bisogno di genitori autoritari che impongono regole a non finire e guai a chi non le rispetta.
Hanno invece bisogno di genitori AUTOREVOLI, di persone cioè che sanno ascoltare i figli, dialogano e fanno loro capire perchè certi comportamenti sono sbagliati. Soprattutto quando si sta inserendo nel mondo degli adulti, il ragazzo ha bisogno di una guida, di un punto di riferimento nel genitore, come persona su cui può contare, aprirsi e avere fiducia.